Dimagrimento e cellulite

L'importanza dell'attività fisica

Dimagrimento e cellulite
Credit: Fotolia © Michael Schindler

Basta solo pronunciare la parola cellulite per far inorridire molte donne al solo pensiero.

La cellulite è una condizione della pelle che si manifesta con la formazione di molteplici piccole fossette e irregolarità del profilo cutaneo su certe aree del corpo, in particolar modo su cosce e glutei.

Per molto tempo fino a qualche anno fà il dimagrimento era considerato come il miglior rimedio per sconfiggere la cellulite, ma da un ultimo studio pubblicato su Plastic and Reconstructive Surgery medical journal si evince che un dimagrimento repentino può essere addirittura controproducente, accentuando l'effetto antiestetico della cellulite.

La dieta migliore da seguire per combattere la cellulite prevede di bere molta acqua, stare attente all'assunzione di sodio, prestare particolare attenzione all'assunzione di cibi ricchi di fibre  e di sali minerali, utili per evitare stipsi e ridurre la ritenzione idrica.

Il dimagrimento fino al peso forma rappresenta sempre un'ottima soluzione per sconfiggere la cellulite, ma in alcuni casi il dimagrimento può accentuare l'effetto antiestetico dell'inestetismo, questo particolare fenomeno è legato in modo particolare alle percentuali di composizione corporee, infatti durante il dimagrimento l'organismo perde massa grassa ma anche massa magra, in alcuni soggetti il dimagrimento può portare ad un eccessiva perdita di massa magra accentuando così la proporzione di tessuto adiposo, che inevitabilmente porta ad una maggiore insorgenza della cellulite.

Dallo studio emerge che l'attività fisica e la conseguente tonificazione muscolare, specialmente durante una dieta dimagrante è estremamente importante per mantenere il giusto rapporto di massa magra e nel caso di una dieta dimagrante mirata alla lotta alla cellulite agisce come fattore limitante allo sviluppo e migliora l'aspetto generale delle superfici cutanee.