Cellulite: quando e perché si forma

Analisi delle cause e degli stati fisiologici che sono alla base della comparsa della cellulite

Cellulite: Quando e perché
Credit: Fotolia © Karyna Chekaryova

La cellulite è una delle patologie cutanee più diffuse tra le donne. Per eliminare la cellulite e, in alcuni casi, per ridurre al minimo la sua influenza estetica, sono necessari molti trattamenti, da studiare in base alla tipologia, la gravità e l'anzianità della stessa.
Comunemente conosciuta con il nome di "buccia d'arancia", questo inestetismo colpisce in particolar modo le zone adipose, come i glutei, le cosce e l'addome.

L'età più propizia dove la cellulite può fare la propria comparsa è certamente quella della pubertà, quando il corpo dell'adolescente è sottoposto a numerosi cambiamenti e continui sbalzi ormonali.
Fino ai 40 anni la donna può comunque vedere dei cambiamenti significativi nel proprio corpo, tra questi anche la comparsa della tanto sgradita cellulite.

Riconoscere la cellulite è facile, ma per identificare il suo gruppo di appartenenza sarà necessario parlare con la propria estetista di fiducia in modo da studiare insieme il trattamento più appropriato. Perdita di tono, pelle opaca ed un continuo senso di raffreddamento nella zona colpita sono i primi segni della cellulite.
Se inizialmente si potrà vedere la classica bruccia d'arancia stringendo la parte interessata tra le dita, in seguito saranno visibile le ondulazioni anche quando siamo rilassate.
La cellulite in alcuni casi è accompagnata da una quantità di grasso troppo eccessiva per la buona salute. I liquidi ed i chili di troppo ristagnanti creano problemi e aumentano i fattori negativi della cellulite.

La cellulite può formarsi per diversi motivi. La prima causa la possiamo trovare in un cattivo funzionamento del microcircolo, quello che nutre i tessuti cutanei. Questa alterazione dei vasi sanguini provoca una fuoriuscita di liquidi e vari meccanismi di difesa, creando sostanze tossiche che danno il via alla formazione della cellulite.
Per scoprire il motivo di questo meccanismo che va successivamente a creare l'inestetismo, bisogna guardare al perché il microcircolo entra in uno stato di sofferenza.

Possono essere problemi genetici, una certa tendenza può presentarsi tra le donne appartenenti ad una stessa famiglia. Può essere un problema a livello di alimentazione, un eccessiva produzione di ormoni: l'estrogeno, i tiroidei o la prolattina (tipo ormone che aumenta in relazione allo stress).
Spesso però i problemi del microcircolo nascono anche da un utilizzo spropositato di farmaci. Una vita troppo sedentaria o una postura sbagliata delle gambe può causare questo circolo di problemi. Se nell'immediato i sintomi non si fanno vedere, sarà il tempo a mostrare le conseguenze di questi cattivi stili di vita.
Alcuni hanno teorizzato, senza trovare alcun fondamento ne a livello estetico ne tanto meno medico, che la cellulite è una difesa del corpo, verso l'ambiente esterno. La donna che si sottovaluta, si sente inferiore e sempre fuori luogo, inizia ad attivare a livello inconscio una serie di meccanismi dannosi che portano alla comparsa della cellulite.

Articolo di Claudia Lemmi